Poesia d'amore
da Scrivere.info

Nuovi autori:



Poesie d'amore
a tema:

Autori piu' pubblicati:

Archivio poesie:

Gli autori:



Te lo dico con un fiore

Rosetta Sacchi

Te lo dico con un fiore
L’ho comprato per me perché tu l’abbia
con te al riparo dall’invidia e dall’altrui sguardo,
ignaro d’un sentimento incommensurabile e perenne.

Perché il riflesso cangiante della luce ti mostri l’azzurro mare
in cui l’anima mia plana così lieve come fa un gabbiano
e tu veda come una celeste tinta sfumi nel lilla che s’arrampica al cancello.

Rimembro ancora l’odore di lavanda dell’infanzia spensierata e breve
e per contrasto armonizzo i miei pensieri con l’inebriante fiore
che nacque da una pioggia di stelle, precipitate al suolo, il gelsomino.

Ma questo “non ti scordar di me” è un segno dell’amor fedele
e la promessa d’una eterna primavera pur in tempo di magra
e di castigo dei sensi e del destino, ché ti sia luce folgorante nella notte
e nel silenzio d’un misero giaciglio, rotto solo da una voce, in sogno.

Rosetta Sacchi | Poesia pubblicata il 23/06/19 | 129 letture |

 
<< SuccessivaPrecedente >>
<< Successiva di Rosetta SacchiPrecedente di Rosetta Sacchi >>
 

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza il consenso dell'Autore.

 


 

I commenti dei lettori alla poesia:


Altamente lirica questa composizione straripante di un sentire che se, da un certo punto di vista, potrebbe sembrare autobiografico, diviene nel complesso ancora una volta un pentagramma su cui (Dedalus)

si srotolano note e ritmo. La struttura sintattica come sempre è indirizzata verso esigenze di musicalità motivo per cui mi fa pensare ad un pentagramma; il linguaggio si impossessa di sogni (Dedalus)

complessi, entra nel silenzio lambendo la subblimazione dell’anima. Poi, improvviso, un ritorno a lontani ricordi "Rimembro ancora l’odore di lavanda dell’infanzia spensierata e breve" che contrasta (Dedalus)

con la realtà dell’oggi, nella quale rientra con un dire spontaneo ed un narrarsi che nasce come un crocus tra la neve "la promessa d’una eterna primavera pur in tempo di magra". (Dedalus)

Scrivi il tuo commento su questa poesia
 
Se sei un autore del sito Scrivere, per inserire commenti su questa poesia, vai sul sito Scrivere

 

Rosetta Sacchi ha pubblicato in questo sito:

 Le sue 608 poesie

La prima poesia pubblicata:
 
Taci (06/07/11)

L'ultima poesia pubblicata:
 
Solo mi beo del cromatico distacco (19/07/19)

Una proposta:
 
Chi può comprendere cosa fa un matto? (16/07/19)

La poesia più letta:
 
Questo silenzio (14/07/11, 8389 letture)


  


Rosetta Sacchi

Rosetta Sacchi

Ha scritto anche…

Ultime poesie pubblicate:

Ha pubblicato…

608 poesie d'amore:



La più letta…

Pubblica in…

Ha una biografia…

Rosetta Sacchi Leggi la biografia di questo autore!






Sito di poesia: pubblicare poesie su Internet

Poesie d'amore più recenti nel sito: