Poesia d'amore
da Scrivere.info

Nuovi autori:



Poesie d'amore
a tema:

Autori piu' pubblicati:

Archivio poesie:

Gli autori:



Il piacere

Rosario Salvatore Di Modica

endecasillabi sciolti e settenari
E finalmente arriva quel momento
che da una vita sogno ad occhi aperti.
Un drink al bar, poi una sigaretta,
quelle risate che fanno vedere
le stelle quando fuori, invece, è il sole.
Non conta più niente altro, lo sappiamo
che dopo gli anni persi ad evitarci,
coscienti del destino sì crudele,
alfine è giunta quella strana notte
in cui abbattute tutte le barriere
e di ogni conseguenza ormai incuranti,
Noi! Si farà l’amore.
In una stanza fredda di un albergo
non conti di trovare quel conforto,
ma solo fredda e buia indifferenza.
Non sei a casa tua ma in una tana,
non focolare, è triste quel rifugio.
Apro la porta, accendo poi la luce;
mi giro allora per lasciarti entrare.
Il tuo sorriso colmo di promesse,
così radioso e caldo, al sol vederlo
mi scioglie il cuore e tremano le gambe:
sì passionale e tenera al contempo;
affondo nella sabbia.
Non posso più aspettare e già ti bacio,
il letto già ci chiama ad alta voce.
E non ricordo come fummo nudi,
a carezzarci a lungo spudorati.
Non esisteva il tempo né lo spazio,
negli infiniti attimi trascorsi
ad esplorare quei frementi corpi
che da due divenuti ormai solo uno,
compenetrati in estasi divina
con l’energia esplosiva che è del sole,
tenuti assieme dal loro sudore,
conobbero il piacere.

Il piacere

2
endecasillabi in quartine
E finalmente arriva quel momento
che da una vita sogno ad occhi aperti.
Raccolgo i frutti dell’accanimento
e credo che alla fine possa averti.
Un drink al bar, poi una sigaretta,
quelle risate fanno intravedere
negli occhi tuoi l’attesa, quella fretta
che come fiume abbatte le barriere.
E vedo stelle fuori anche col sole,
la luce nelle tenebre più scure,
graziosi fiori agghindano le aiuole,
finiscono così le mie torture.
Non conta più niente altro, lo sappiamo
che dopo gli anni persi ad evitarci,
trascorsi nel pensare che ti amo
dovendo fare a meno di abbracciarci,
coscienti del destino sì crudele,
alfine è giunta quella strana notte
in cui spiegate al vento già le vele
al largo noi andremo per le rotte
che il Fato per noi due ha designato;
sì dolcemente spinti dall’ardore
che l’una all’altro forte ha trascinato,
noi si farà l’amore.
In una stanza fredda di un albergo
non conti di trovare gran conforto,
ma non importa il luogo e già m’immergo
In quel languido approdo nel tuo porto.
Apro la porta, accendo poi la luce;
mi giro allora per lasciarti entrare.
Neanche a dirlo, il corpo tuo seduce;
balbetto, in viso non ti so guardare.
Il tuo sorriso colmo di promesse,
così radioso inneggia tanto a vita,
mi rassicura e come se volesse
infondermi coraggio, a te m’invita,
sì passionale e tenera al contempo;
hai chiuso il cuore mio in una gabbia
gettando via la chiave; e nel frattempo
affondo nella sabbia.
Non posso più aspettare fra le braci,
il letto urla e chiama ad alta voce.
E nudi, tra carezze e lunghi baci
che ti amo ti bisbiglio sottovoce.
E a carezzarci a lungo spudorati,
non esistendo il tempo né lo spazio,
per attimi infiniti condannati
ad espiare ed a pagare dazio,
ad esplorare quei frementi corpi
compenetrati in estasi divina,
che dagli sforzi resi quasi storpi
ma che il piacere sempre più avvicina,
tenuti assieme dal loro sudore,
con l’energia esplosiva che è del sole.
Al bando venga messo ogni pudore!
Non è concesso spazio alle parole.
Il tempo ormai trascorso da quel giorno
sbiadisce sempre più i dolci ricordi.
Ma quando con la mente vi ritorno,
nel cuore ne risuonano gli accordi.

Rosario Salvatore Di Modica | Poesia pubblicata il 27/11/19 | 121 letture |

Nota dell'autore:

«ripubblico lavoro di alcuni mesi fa. La stessa poesia, in endecasillabi e settenari sciolti, e in quartine...»

 
<< SuccessivaPrecedente >>
<< Successiva di Rosario Salvatore Di ModicaPrecedente di Rosario Salvatore Di Modica >>
 

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza il consenso dell'Autore.

 

I commenti dei lettori alla poesia:

Non ci sono messaggi nella bacheca pubblica dei lettori.
Scrivi il tuo commento su questa poesia
 
Se sei un autore del sito Scrivere, per inserire commenti su questa poesia, vai sul sito Scrivere

 

Rosario Salvatore Di Modica ha pubblicato in questo sito:

 Le sue 58 poesie

La prima poesia pubblicata:
 
L’istante (23/12/18)

L'ultima poesia pubblicata:
 
Il giuramento (12/12/19)

Una proposta:
 
I nastri (09/12/19)

La poesia più letta:
 
Il primo bacio (27/12/18, 975 letture)


  


Rosario Salvatore Di Modica

Ha scritto anche…

Ultime poesie pubblicate:

Ha pubblicato…

58 poesie d'amore:



La più letta…

Pubblica in…






Sito di poesia: pubblicare poesie su Internet

Poesie d'amore più recenti nel sito: