Poesia d'amore
da Scrivere.info

Nuovi autori:



Poesie d'amore
a tema:

Autori piu' pubblicati:

Archivio poesie:

Gli autori:



Sono diventato schiavo dell’amore

sergio garbellini

Stupendamente femmina all’eccesso,
col fascino che manda in confusione,
tremendamente bella, provocante,
da far tremare il cuore di passione!

Vicino alla tua splendida bellezza
mi sento innamorato e timoroso,
non oso far richieste singolari,
perché mi sembrerebbe scandaloso!

Ti vedo come fossi una madonna,
ti guardo con il massimo rispetto,
sei magica, non trovo le parole ...,
mi blocco quando sono al tuo cospetto!

Mi fai sentire timido, inferiore,
perché tu sei fantastica, divina,
t’ammirano gli uomini per strada,
sei degna d’apparire in copertina!

Mi sono innamorato del tuo viso,
degli occhi azzurri e meravigliosi,
dei tuoi capelli sparsi sulle spalle,
dei baci così intensi e calorosi.

Però io son soltanto un impiegato
di banca e non son certo un bel adone,
mi sento un uomo semplice, modesto,
ti amo con sublime dedizione.

Ti guardo e non so come comportarmi,
mi lascio affascinar dal tuo splendore,
mi blocco nel vederti tanto bella
e provo un’emozione in fondo al cuore.

La donna più radiosa che c’è al mondo,
la femmina più bella e seducente,
un angelo disceso giù dal cielo,
un dono fortunoso e sorprendente.

Vorrei coprirti d’oro sino ai piedi,
ma lo stipendio non me lo permette,
mi limito ad un cesto con le rose
che son da sempre le tue predilette.

Un uomo quando prova un sentimento
d’amore, così forte e passionale,
vorrebbe andare in cielo per rubare
la stella più lucente e celestiale.

E’ tanto il desiderio di poterti
veder felice e piena di allegria,
però ti posso offrire solamente
l’amore più sincero che ci sia!

La tua bellezza è fonte di paura
che muove una profonda gelosia,
è cosa naturale e lo capisco,
perché ti voglio solamente mia!

Mi piace starti accanto, accarezzarti,
baciarti con notevole passione,
ma provo un dubbio, un senso di timore
e il cuore mi trasmette agitazione!

E’ dura sopportar le sensazioni
che inducono al diabolico sospetto,
lor quando c’è l’amore più sincero,
con tanto di fiducia e di rispetto.

Il sentimento vero fa soffrire,
ti penetra silente dentro al cuore,
t’investe con la forza impetuosa
e tu diventi ... schiavo dell’amore!

sergio garbellini | Poesia pubblicata il 26/01/20 | 339 letture |

Nota dell'autore:

«Quando ci si innamora la vita interiore si trasforma e così pure il mondo che ci circonda. Tutto diventa diverso, il cuore palpita in modo eccessivo, il mondo si rivela più gentile e tutto si trasforma in una gioia di vivere, l’amore penetra nel cuore e nel cervello, ci si sente attratti e più leggeri, quasi si vola per l’entusiasmo che si prova, queste sono le sensazioni che ci regala l’amore, unico sentimento a trasformare la vita in un mondo tutto rosa.»

 
<< SuccessivaPrecedente >>
<< Successiva di sergio garbelliniPrecedente di sergio garbellini >>
 

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza il consenso dell'Autore.

 

I commenti dei lettori alla poesia:

Non ci sono messaggi nella bacheca pubblica dei lettori.
Scrivi il tuo commento su questa poesia
 
Se sei un autore del sito Scrivere, per inserire commenti su questa poesia, vai sul sito Scrivere

 

sergio garbellini ha pubblicato in questo sito:

 Le sue 560 poesie

La prima poesia pubblicata:
 
La prima volta ... di una donna (18/02/13)

L'ultima poesia pubblicata:
 
Questo amore è legato alla speranza (05/07/20)

Una proposta:
 
Sciocche malignità prive di fondamento (02/07/20)

La poesia più letta:
 
"Regàlami una favola d'amore! " (16/03/13, 10768 letture)


  


sergio garbellini

Ha scritto anche…

Ultime poesie pubblicate:

Ha pubblicato…

560 poesie d'amore:



La più letta…

Pubblica in…

Ha una biografia…

sergio garbellini Leggi la biografia di questo autore!






Sito di poesia: pubblicare poesie su Internet

Poesie d'amore più recenti nel sito: